Select Page

Ilford HP5+ – Amore al primo rullo

Ilford HP5+ – Amore al primo rullo

Quando EMULSIVE mi ha chiesto di scrivere qualcosa su ilford HP5 plus sono rimasto molto sorpreso e anche un po’ preoccupato: non sono un tecnico e non sono un fotografo professionista e non ho neanche molta esperienza.

Bene, probabilmente vi starete chiedendo ‘Allora, perché hai accettato di scrivere sull’ HP5+?’

Facile, perché EM – the short version, please 🙂 – mi ha chiesto di parlare di Amore. EM mi ha chiesto di parlare delle mie sensazioni su quella pellicola.

Ilford HP5+ - Alto Contrasto, 400 ASA

Ilford HP5+ – Alto Contrasto, 400 ASA

Facile parlare di amore per HP5, per me è stato il primo amore su pellicola e non ho avuto bisogno di provare nient’altro – in termini di marche – perché credo di avere in Ilford tutto quello di cui ho bisogno dalle alte alle basse sensibilità.

Ho avuto subito un buon feeling e non il sono tipo di persona che fa spesso prove: se trovo qualcosa che per me funziona dedico il mio tempo ad altro, come ad esempio scattare fotografie.

Strano eh?

Ilford HP5+ - Primo ricordo, primo rullo, 400 ASA

Ilford HP5+ – Primo ricordo, primo rullo, 400 ASA

 

 

Il mio primo rullo HP5+

Ricordo il mio primo rullo, è stato scattato con una Mamiya 645 ed io non ero molto tranquillo: per la prima volta scattavo con pellicola dopo tanti anni (la prima volta avevo 18 anni), ma lo stavo facendo con una macchina medio formato e avevo deciso di seguire tutto il processo, dalla cattura allo sviluppo e – dopo un po’ di esperienza, arrivare alla stampa.

Fui sorpreso dei risultati. E’ vero, il bianconero è molto permissivo in termini di errore di esposizione ma ottenni subito ciò che volevo: immagini molto contrastate oppure molto leggere, a seconda di ciò che volevo mostrare con quella particolare foto.

Ho sviluppato parecchi rulli con Ilfosol 3 e all’inizio ho esposto le scene regolando sempre il valore ISO presente sulla scatola, cioè 400.

Ilford HP5+ - Poca luce, interni, 400 ASA

Ilford HP5+ – Poca luce, interni, 400 ASA

Ilford HP5+ - Interni ben illuminati, 400 ASA

Ilford HP5+ – Interni ben illuminati, 400 ASA

 

Una questione di grana

Più avanti nel tempo ho scelto poi di provare altro. La HP5 plus è una pellicola di vecchia maniera, ha grana cubica ed è veramente già molto espressiva; ho pensato che usare un vecchio tipo di sviluppo  – come il Rodinal – poteva dare quella sensazione in più che cercavo.

Ho provato anche ILFOTEC DD-x ma per i miei gusti tende a ‘piallare’ troppo la grana, come succede in post produzione digitale quando vuoi abbassare il rumore digitale.

Per me non ha senso: se vuoi poca grana (veramente poca) devi scattare con FP4 plus, o ancora meglio con PAN F.

Ma a causa della medio alta velocità ho scelto di usare quasi sempre HP5+.

Ilford HP5+ - Condizioni critiche di luce, 400ASA

Ilford HP5+ – Condizioni critiche di luce, 400ASA

Ilford HP5+ - Condizioni critiche di luce, 400ASA

Ilford HP5+ – Condizioni critiche di luce, 400ASA

Ilford HP5+ - Condizioni critiche di luce, 400ASA

Ilford HP5+ – Condizioni critiche di luce, 400ASA

Ho letto che il reale valore ISO di questa pellicola (in realtà varia a seconda del tipo di sviluppo e di esposizione del film) è intorno a 200-250 ASA.

Infatti se vuoi una estesa gamma dinamica la cosa migliore è esporre la pellicola 200 asa, sovraesponendo di circa 1 stop e accorciare il tempo di sviluppo di 10-15%. per esempio 7’30’’ vanno bene a fronte di 8’ indicati dal bugiardino.

In questo modo hai negativi con contrasto molto facile da controllare in stampa (che è la fine naturale di una foto) con ombre leggibili e alteluci con buone informazioni.

Ilford HP5+ - Luce naturale, 200 ASA

Ilford HP5+ – Luce naturale, 200 ASA

Ilford HP5+ - Luce naturale, 200 ASA

Ilford HP5+ – Luce naturale, 200 ASA

Ilford HP5+ - Luce naturale, 200 ASA

Ilford HP5+ – Luce naturale, 200 ASA

Se invece vuoi solo pensare a quello che vuoi dire con una foto, la cosa migliore è esporre correttamente per quello che vuoi mostrare (quindi luci o ombre) con pellicola a 400 ASA e sviluppo con tempi giusti come da indicazioni sulla scatola: otterrai un negativo contrastato, piuttosto denso.

In fondo la cosa meravigliosa di questa pellicola è che tu puoi pensare solo a quello che vuoi scrivere e lei diventa una stupenda matita: puoi scegliere di scattare immagini molto contrastate, quasi grafiche oppure puoi usare le infinite sfumature di grigio che scaldano incredibilmente la scena. Ecco, le tonalità di grigio di questo film sono eccezionali, plastiche e calde come non ti aspetteresti che un grigio possa essere.

 

 

Tirara la pellicola

Ho scattato anche tirando molto la pellicola: ottimi risultati a 3200 ASA e sviluppo in Rodinal stand 1+100 (per due ore, una agitazione all’inizio ed una dopo un’ora) anche se per il tiraggio la cosa migliore sarebbe lo sviluppo in ILFOTEC, per controllare un po’ la grana.

Ilford HP5+ - Indoors, poor light, 3200 ASA

Ilford HP5+ – Indoors, poor light, 3200 ASA

Ilford HP5+ - Naturally light, 500 ASA, for best use with the Sunny 16 rule

Ilford HP5+ – Naturally light, 500 ASA, for best use with the Sunny 16 rule

Molto buono il comportamento a EI400 in poca luce: non devi preoccuparti di niente, esponi correttamente la tua scena e sarai sicuro di avere ciò che hai visto nel mirino. O In fondo al cuore.

In fondo stiamo ancora parlando di amore, no?

 

 

Suggerimenti di sviluppo:

Per risultati alto contrasto:

  • Esporre correttamente la scena a 400 ASA
  • Sviluppare in Rodinal (R09 one shot) per 8 minuti a 20°C
  • Agitare 3 o 4 volte estro i primi 10 secondi e poi di nuovo ogni minuto
  • Svuotare la tank entro la fine del tempo di sviluppo
  • Seguire i passaggi di arresto / fix / risciacquo

Per una gamma dinamica piu’ ampia:

  • Sovraesporre la scena di 1 stop a 200 ASA
  • Sviluppare in Rodinal (R09 one shot) per 7 minuti e 30 secondi a 20°C
  • Agitare 3 o 4 volte entro i primi 10 secondi e poi di nuovo ogni minuto
  • Svuotare il serbatoio entro la fine del tempo di sviluppo
  • Seguire i passaggi di arresto / fix / risciacquo

 

 

Contribute to EMULSIVE

EMULSIVE NEEDS YOU. The driving force behind EMULSIVE is knowledge transfer, specifically engendering more of it in the film photography community. You can help by contributing your thoughts, work and ideas.

Help drive an open, collaborative community - all you need do is drop us a line and we'll work something out.

About The Author

2 Comments

  1. nice. inspiring

    Reply

Please leave a comment

Follow


Search

Subscribe

Pin It on Pinterest

Get EMULSIVE updates in your inbox

Get EMULSIVE updates in your inbox

Ever thought about recieving EMULSIVE updates by email?

Subscribe now and we'll send you one email each day with all the latest posts, as well as one weekly summary for some light Sunday reading.

You've subscribed successfully, thanks. We promise to keep your information safe and not sell it on to third parties.

%d bloggers like this: